Voucher 3i

A seguito dell'elevato numero di domande presentate le risorse disponibili sono esaurite e lo sportello è chiuso
 

Presenta la domanda

ATTENZIONE

A seguito dell'elevato numero di domande presentate, le risorse disponibili sono esaurite. Pertanto non è più possibile inviare la domanda. Si fa presente che dall’apertura dello sportello, a fronte di oltre 5.000 richieste, sono stati riconosciuti più di 4.000 voucher.

Scarica il Decreto Direttoriale di sospensione

----------------- 

Per richiedere le agevolazioni è necessario:

  • essere in possesso di una identità SPID* per accedere alla piattaforma dedicata
  • accedere all'area riservata tramite l’identità SPID per compilare direttamente online la domanda, caricare il business plan e gli allegati.

Per concludere la procedura di presentazione della domanda è necessario disporre di una firma digitale e di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC).

Al termine della compilazione del piano di impresa e dell’invio telematico della domanda e dei relativi allegati, verrà assegnato un protocollo elettronico.

* Dal 30 settembre 2021 le vecchie credenziali di accesso ottenute attraverso la registrazione alla piattaforma online di Invitalia non avranno più validità. Per continuare ad accedere alla piattaforma sarà necessario autenticarsi utilizzando il Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID), come previsto dal Decreto Semplificazione e Innovazione digitale (DL n. 76/2020).

 

Guarda il Format Domanda V3i

 

Se vuoi saperne di più:

Guarda la PPT

 

-----------------------

NOTA BENE

Alla domanda devono essere necessariamente allegati:

In particolare quest’ultimo, compilato in ogni sua parte, deve essere sottoscritto digitalmente dal consulente prescelto e dal legale rappresentante della start up innovativa. Non sarà possibile redigere e inviare una domanda senza allegare tale documento.

Gli art.5 e 6 del decreto direttoriale del 19 febbraio 2020 – costituivo degli elenchi – definiscono le informazioni che devono essere fornite dai consulenti e dagli avvocati per l’inserimento nell’elenco di appartenenza; tali informazioni sono indispensabili  per la corretta gestione dei fondi, la fatturazione ed il pagamento del servizio.  Si invitano tutte le imprese proponenti a verificare la completezza delle informazioni relative ai consulenti/avvocati prescelti negli appositi elenchi poiché la carenza di alcune di esse può determinare il mancato riconoscimento del voucher richiesto.

Per l’erogazione del voucher è inoltre necessario che vi sia piena corrispondenza tra i dati relativi al fornitore (nominativo, codice fiscale e partita IVA ecc.) indicati nell'accordo di consulenza e quanto riportato nella domanda di ammissione. In assenza di tale corrispondenza, Invitalia non potrà prendere in esame la domanda presentata.