Consorzi per l’internazionalizzazione

Il contributo per favorire la diffusione internazionale dei prodotti delle PMI
 

Consorzi per l’internazionalizzazione

 

 

Cos’è

“Consorzi per l’internazionalizzazione” è l’incentivo del Ministero degli Esteri che, con un contributo a fondo perduto, favorisce l’internazionalizzazione delle piccole e medie imprese (PMI).

 

A chi è rivolto

Il contributo è rivolto ai soggetti costituiti nella forma di consorzio, ai sensi degli articoli 2602 e 2612 e seguenti del Codice civile, o costituiti in forma di società consortile o cooperativa, aventi per oggetto, ai sensi della legge n. 134/2012, la diffusione internazionale dei prodotti e dei servizi delle piccole e medie imprese, nonché il supporto alla loro presenza sui mercati esteri anche attraverso la collaborazione e il partenariato con imprese estere.

La dotazione finanziaria per i consorzi è di 1.507.044 euro, di cui 569.270 euro come risorse ad hoc per sostenere l'internazionalizzazione dei consorzi mono regionali della Sicilia.

 

Cosa finanzia

Sono finanziabili i progetti che puntano alla diffusione internazionale dei prodotti delle PMI aderenti al consorzio.

In particolare, sono ammissibili i progetti:

  • rivolti ai mercati target secondo quanto previsto dalla Cabina di regia per l’Italia Internazionale
  • di importo complessivo non inferiore a 80.000 euro e non superiore a 300.000 euro
  • avviati dopo il 1° gennaio 2019
  • conclusi entro la data di richiesta del contributo

 

Come funziona

Il contributo, concesso in regime de minimis, è pari al 50% delle spese ammissibili sostenute e non può superare 150.000 euro. È erogato in un'unica soluzione, sulla base della rendicontazione delle spese inviata in fase di presentazione della domanda.

 

Presentazione della domanda

La domanda deve essere inviata all’indirizzo PEC consorzi2022@postacert.invitalia.it entro il 9 settembre 2022. Ciascun consorzio può presentare una sola richiesta.

Alla domanda, redatta utilizzando l’Allegato A (Modulo di presentazione della domanda), devono essere allegati:

  • atto costitutivo e statuto del consorzio
  • bilanci degli ultimi tre esercizi precedenti alla data di presentazione della domanda e relativi verbali di approvazione
  • relazione dettagliata sulle attività realizzate e sulle spese sostenute dal consorzio, redatta utilizzando l’Allegato B (Relazione finale attività realizzate)
  • titoli di spesa: fatta eccezione per i fornitori esteri, le fatture possono essere esclusivamente fatture elettroniche
  • ordinativi di pagamento
  • estratto del conto corrente dal quale sia possibile riscontrare l'evidenza dei pagamenti effettuati
  • dichiarazione sostitutiva di atto notorio in materia di prevenzione del riciclaggio, predisposta sulla base dell’apposito modulo
  • visura camerale da cui risulti che il fondo consortile o il capitale sociale sia interamente sottoscritto e versato

 

Sul sito del Ministero degli Esteri è disponibile il decreto attuativo della misura “Consorzi per l’internazionalizzazione

 

Per saperne di più

È possibile richiedere informazioni e chiarimenti scrivendo all’indirizzo internaz2020@invitalia.it.

 

Normativa