Resto al Sud

Domande e risposte su "Resto al Sud"

 

CHI PUÒ PRESENTARE LA DOMANDA
 

Chi può chiedere le agevolazioni?

Puoi chiedere le agevolazioni se alla data di presentazione della domanda:

  • hai età compresa tra 18 e 45 anni
  • sei residente in una di queste regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia o in 116 comuni delle regioni del cratere sismico di Lazio, Marche ed Umbria. Puoi anche trasferire la residenza in una delle suddette regioni dopo aver presentato la domanda, entro massimo 60 giorni dall'eventuale esito positivo della valutazione (120 giorni se risiedi all'estero)
  • Non sei già titolare di altre attività d’impresa in esercizio alla data del 21/06/2017
  • Non risulti già beneficiario di altre agevolazioni nazionali per l’autoimprenditorialità nell’ultimo triennio
  • Non sei titolare di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato e/o ti impegni a non esserlo per tutta la durata del finanziamento
  • Non risulti titolare di partita IVA movimentata, nei 12 mesi antecedenti la presentazione della domanda, per lo svolgimento di un’attività analoga a quella proposta (solo per il comparto delle attività libero professionali)
Cosa vuol dire esattamente “tra 18 e 45 anni”?

Vuol dire che alla data di presentazione della domanda devi avere 18 anni già compiuti o 46 anni non ancora compiuti.

Inoltre, alla luce delle più recenti novità normative, fino al 31/12/2020, può presentare domanda chiunque non abbia compiuto 46 anni alla data del 01/01/2019.

Cosa significa che non devo essere titolare di “attività d’impresa in esercizio alla data del 21 giugno 2017”?

Significa che:

  • nel caso di ditta individuale, non devi essere titolare di partita iva movimentata
  • nel caso di società, non devi essere rappresentante legale di società iscritte al registro delle imprese e attive

La titolarità di impresa viene valutata al 21 giugno 2017. Quindi non puoi presentare la domanda se risulti titolare di impresa in esercizio a quella data, anche se nel frattempo l'impresa è cessata o è stata ceduta.

Ho già un lavoro a tempo indeterminato: posso presentare la domanda?
Sì, ma dovrai lasciare il lavoro se la domanda viene approvata.

Che cosa si intende per attività analoga per il comparto delle attività libero professionali?

È considerata analoga un’attività con codice Ateco non identico fino alla 3° cifra di classificazione delle attività economiche.

Una società già esistente può presentare la domanda?

Sì, se è stata costituita dopo il 21 giugno 2017. In particolare la domanda può essere presentata da:

  • Imprese costituite (ivi comprese ditte individuali e società cooperative) successivamente alla data 21/06/2017
  • Imprese costituende (entro 60 giorni o 120 giorni se i soggetti sono residenti all’estero, dopo l’esito positivo)

Per il comparto delle libere professioni, sono previste la sola apertura della partita IVA per le attività svolte in forma individuale e la costituzione di società tra professionista per le attività svolte in forma collettiva.

La forma giuridica indicata nella domanda è vincolante per l'ammissione alle agevolazioni?

La scelta indicata al momento della presentazione della domanda è vincolante solo per le attività libero professionali.

In particolare, le attività libero professionali di tipo ordinistico devono obbligatoriamente costituirsi nelle forme di:

  • Attività libero professionali svolte in forma individuale
  • Società tra professionisti

Per le altre attività libero professionali, la scelta indicata nella domanda deve essere confermata al momento dell’ammissione alle agevolazioni.

La ripartizione delle quote societarie è vincolante per l’ammissione alle agevolazioni?
Non sono invece previsti vincoli per la ripartizione delle quote societarie.

Cosa succede se possiedo i requisiti richiesti (età, residenza, ecc.) ma i miei soci no?
Puoi comunque presentare la domanda, ma a questa condizione: i soci che non rispettano i requisiti non devono superare 1/3 della compagine sociale e non devono avere rapporti di parentela fino al quarto grado con nessuno dei richiedenti.

 

COSA SI PUÒ FARE
 

Quali sono i settori ammessi?
  • Attività nei settori dell’industria, dell’artigianato, della trasformazione dei prodotti agricoli e pesca
  • Fornitura di servizi all’imprese e alle persone
  • Turismo
  • Attività libero professionali

 

 

COSA NON SI PUÒ FARE
 

Quali attività sono escluse dalle agevolazioni?

Sono escluse dal finanziamento le attività agricole e il commercio, ad eccezione della vendita dei beni prodotti nell'attività di impresa. A seguito dell’estensione dell’ambito di applicazione della Misura Resto al Sud al comparto delle attività libero professionali, sono state ricomprese tra le attività ammissibili quelle afferenti alla lettera M del Codice Ateco - attività professionali, scientifiche e tecniche.
L'elenco dettagliato delle attività non ammissibili è contenuto nell'Allegato n. 1 della Circolare n. 33 del 22/12/2017 e ss. mm. e ii.

Quali spese sono escluse alle agevolazioni?
Le agevolazioni non coprono le seguenti spese:
  • beni acquisiti con il sistema della locazione finanziaria, del leasing e del leaseback
  • beni e servizi di proprietà di uno o più soci del beneficiario nel caso di soci persone fisiche, anche dei relativi coniugi ovvero di parenti o affini dei soci stessi entro il terzo grado
  • investimenti di mera sostituzione di impianti, macchinari e attrezzature
  • il cosiddetto "contratto chiavi in mano"
  • commesse interne
  • macchinari, impianti e attrezzature usati
  • spese notarili, imposte, tasse
  • acquisto di automezzi, tranne quelli strettamente necessari al ciclo di produzione o destinati al trasporto in conservazione condizionata dei prodotti
  • acquisto di beni di importo unitario inferiore a 500 euro, ad eccezione delle spese afferenti al capitale circolante (per dettagli vedi FAQ successiva)
  • progettazione, consulenze ed erogazione delle retribuzioni ai dipendenti delle imprese individuali e delle società, nonché agli organi di gestione e di controllo delle società stesse
  • scorte, tasse e imposte (l'IVA realmente e definitivamente sostenuta dal soggetto beneficiario è una spesa ammissibile solo se non è da egli stesso recuperabile)

 

Cosa significa esattamente che “non sono ammissibili alle agevolazioni spese di importo unitario inferiore a 500 euro”?
Il valore minimo di 500 euro si riferisce non al singolo bene, ma alla fornitura di beni riconducibili ad uno stesso fornitore ed alla medesima tipologia di spesa. Ad esempio, per un'attività di somministrazione di alimenti e bevande il programma di spesa - nella categoria Macchinari, impianti e attrezzature - può prevedere un totale di 800 euro, suddiviso tra 250 euro di piatti, 200 euro di bicchieri e 350 euro di posate (suppellettili per la somministrazione). Analogamente per un’attività ricettiva, possono essere ammesse, purché oggetto di una stessa fornitura, le spese relative all’allestimento delle camere (biancheria, arredi, tv ecc.) anche di importo unitario inferiore a €500. Per il riconoscimento delle spese, in fase di realizzazione del progetto, sarà necessario acquisire un’unica fattura o alternativamente un ordine di acquisto che le riconduca alla medesima fornitura.

 

 

COSA SI PUÒ FINANZIARE
 

Posso acquistare beni usati?
No, i beni devono essere nuovi di fabbrica.

È consentito l'acquisto di automezzi?
È consentito se sono strettamente necessari alla produzione di beni/servizi indicati nel progetto imprenditoriale.
È escluso l'acquisto di veicoli per il trasporto di merci su strada da parte di imprese che effettuano trasporto merci per conto terzi.

Sono finanziabili le opere edili?
Sì, se riguardano l’adeguamento della sede aziendale alle esigenze produttive/organizzative dell'attività proposte, nel limite massimo del 30% del programma di spesa complessivo.

È finanziabile la creazione di un sito web?
Sì, purché il sito sia legato alle esigenze produttive/gestionali o promozionali dell'impresa.

Vorrei costituire una società cooperativa e, più precisamente, una cooperativa sociale per fornire servizi di assistenza agli anziani. Posso chiedere i finanziamenti di Resto al Sud?
Sì, le cooperative rientrano a pieno titolo tra i soggetti beneficiari della misura "Resto al Sud", come previsto all'art. 3, comma 2, lettera b) del decreto 9 novembre 2017, n. 174 e recepito dalle relative disposizioni attuative (punto 3.3, lettera b) della Circolare 22 dicembre 2017, n. 33). Nell'ambito delle società cooperative sono incluse anche quelle sociali, la cui finalità di soddisfare, attraverso lo svolgimento di un'attività d'impresa, un bisogno di interesse collettivo, non modifica in alcun modo la natura giuridica delle stesse; pertanto le cooperative sociali sono pienamente ammissibili alle agevolazioni "Resto al Sud".

I beni non finanziabili possono essere acquistati dalla società autonomamente?
No, il progetto imprenditoriale deve prevedere un programma di spesa completo e funzionale allo svolgimento dell'iniziativa. Quindi il programma di spesa per il quale si chiede il finanziamento non può avere un importo superiore all'ammontare massimo complessivo delle agevolazioni concedibili ai richiedenti.

Da quale data le spese possono essere ammesse alle agevolazioni?
  • Per le imprese costituite: sono ammissibili le spese sostenute dopo la presentazione della domanda.
  • Per i team di persone: sono ammissibili le spese sostenute dopo la costituzione dell'impresa/società.

Per quanto tempo i beni agevolati sono vincolati all’esercizio dell’attività?
I beni agevolati non possono essere trasferiti dalla sede aziendale, né alienati o destinati a usi diversi per i 5 anni successivi al completamento del programma di spesa e comunque non prima della completa restituzione del finanziamento bancario.
Per svolgere l’attività di impresa, posso prendere in locazione l’immobile di proprietà di uno o più soci, dei relativi coniugi, ovvero di parenti o affini dei soci stessi entro il terzo grado?
Sì. E’ consentito prendere in locazione l’immobile di proprietà dei soci, dei coniugi, di parenti o affini dei soci entro il terzo grado, ma non sono agevolabili le spese per i relativi canoni di affitto. (Ad es.: se voglio stabilire la sede operativa presso l’immobile di proprietà di mio padre, posso prenderlo in locazione, posso rendicontare le spese di ristrutturazione tra le opere edili, ma non posso rendicontare il canone di locazione tra le spese di capitale circolante).
Chi sono i parenti o affini entro il terzo grado?
Il Codice Civile, agli artt. 74-78, definisce i concetti di parentela e affinità. In particolare, il computo dei gradi avviene ai sensi dell’art. 76 del Codice Civile: “Nella linea retta si computano altrettanti gradi quante sono le generazioni, escluso lo stipite. Nella linea collaterale i gradi si computano dalle generazioni, salendo da uno dei parenti fino allo stipite comune e da questo discendendo all'altro parente, sempre restando escluso lo stipite”. Pertanto, i parenti di primo grado sono i figli e i genitori; i parenti di secondo grado sono i fratelli, le sorelle, i nipoti (figli dei figli) e i nonni; i parenti di terzo grado sono gli zii (fratello o sorella del padre o della madre), i nipoti (figli di un fratello o di una sorella), i bisnonni, i pronipoti (figli di nipoti). Gli affini di primo grado sono i suoceri, il genero e la nuora, i figli del coniuge; gli affini di secondo grado sono i fratelli, le sorelle, i nonni e i nipoti (figli dei figli) del coniuge; gli affini di terzo grado sono gli zii (fratelli del padre o della madre), i nipoti (figli di fratelli), i bisnonni, i pronipoti (figli di nipoti) del coniuge.

 

 

LA DOMANDA: COME PRESENTARLA
 

C’è una scadenza per la presentazione della domanda?
No, Resto al Sud non è un bando e non prevede scadenze, né graduatorie. È un incentivo "a sportello": le domande possono essere presentate fino a quando ci sono fondi disponibili.

Come si presenta la domanda?
Esclusivamente on line, sul sito web di Invitalia. Leggi tutti i dettagli.

Chi deve compilare la domanda?
La persona che compila la domanda deve essere uno dei soggetti richiedenti, in possesso dei requisiti richiesti. Il sistema informatico verifica, al momento della presentazione della domanda, che il compilatore faccia parte della compagine. Se il controllo dà esito negativo, non sarà possibile presentare la domanda.

Per presentare la domanda devo solo compilare gli appositi campi?
No, dopo aver compilato la domanda on line devi scaricare il file che il sistema genera alla fine della procedura, firmarlo digitalmente e caricarlo di nuovo sulla piattaforma insieme a tutta la documentazione richiesta.

E’ possibile modificare le informazioni di contatto inserite nel format di domanda?
Sì. Il proponente può modificare autonomamente i contatti inseriti nella sezione A.4 Informazioni di contatto (recapito telefonico, indirizzo mail e PEC) soltanto dopo la presentazione della domanda di ammissione alle agevolazioni.

Chi deve firmare digitalmente la domanda?

Per le attività d’impresa:

  • Per le Ditte individuali: il titolare o futuro titolare.
  • Per le Società: il legale rappresentante o, nel caso di società costituenda, uno dei soggetti del team di progetto, purché in possesso dei requisiti richiesti.

Per le attività libero professionali:

  • Esercitate in forma individuale: Il libero professionista
  • Per le società tra professionisti: il legale rappresentante o, nel caso di società costituenda, uno dei soggetti del team di progetto, purché in possesso dei requisiti richiesti.

 

Devo inviare qualche documento cartaceo per posta o raccomandata?
No, la procedura è tutta digitale.

Per presentare la domanda devo avere un indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC)?
Sì, nella domanda devi indicare un indirizzo PEC a cui Invitalia invierà tutte le comunicazioni.

La PEC indicata nella domanda deve rispettare particolari requisiti?
La PEC deve consentire di comunicare anche con soggetti privati. Non sono quindi adatte le PEC governative (quelle con estensione @pec.gov.it) perché consentono la comunicazione solo tra cittadino e Pubblica Amministrazione.

Come devo redigere le dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà?
Puoi utilizzare gli appositi moduli e seguire le istruzioni in essi contenute.

Quando presento la domanda devo allegare anche la documentazione tecnica (ad esempio i preventivi di spesa)?
No, quando presenti la domanda non sei obbligato a inserire la documentazione tecnica. Se vuoi, puoi comunque allegarla.

Se la mia domanda non viene approvata posso presentarne un’altra?
Sì.

 

 

LA DOMANDA: COME VIENE VALUTATA 
 

Quanto dura la valutazione della domanda?
Circa due mesi. Normalmente l'esito della valutazione viene comunicato via PEC entro 60 giorni dalla data di presentazione della domanda. I tempi possono essere più lunghi in presenza di carenze progettuali e/o documentali.

Come si svolge la valutazione?
La domanda viene valutata da Invitalia in due fasi: la prima serve a verificare il possesso dei requisiti, la seconda prende in esame le competenze dei soci e la fattibilità economico-finanziaria del progetto.

È previsto un colloquio di valutazione?
Sì, tutti i componenti del team imprenditoriale devono sostenere un colloquio con gli esperti di Invitalia (nella sede di Roma o via Skype). Se anche un solo socio non partecipa al colloquio la domanda viene respinta.

La valutazione serve a formare una graduatoria delle domande?
No, non c'è nessuna graduatoria. Ogni domanda viene valutata indipendentemente dalle altre e viene ammessa sulla base dei punteggi indicati nell'allegato 2 della Circolare attuativa.

In cosa consiste la comunicazione dei motivi ostativi?
Durante la valutazione possono emergere carenze o criticità (ad esempio: la domanda non rispetta tutti i requisiti di accesso o i punteggi assegnati per i singoli criteri di valutazione non sono sufficienti a renderla ammissibile). In questo caso Invitalia ti comunica quali sono i motivi ostativi all'accoglimento della domanda: puoi rispondere entro 10 giorni con delle controdeduzioni scritte, che comportano un supplemento di istruttoria. Se le informazioni fornite consentono di superare le criticità, Invitalia ti invia la comunicazione di esito positivo. In caso contrario, ti viene comunicata la non ammissibilità della domanda.

 

 

LE AGEVOLAZIONI: COME OTTENERLE
 

La mia domanda è stata ammessa: cosa devo fare?

Devi presentare la documentazione per dimostrare:

  • il trasferimento della residenza in un comune dei territori agevolati. Il cambio di residenza deve avvenire entro massimo 60 giorni dalla comunicazione di esito positivo della valutazione (120 giorni se almeno uno dei soci risiede all'estero)
  • la costituzione dell'impresa entro 60 giorni dalla comunicazione di esito positivo della valutazione, oppure entro 120 giorni se almeno uno dei soci risiede all'estero
  • la concessione del finanziamento bancario entro 180 giorni dalla comunicazione di esito positivo
A quali istituti posso chiedere il finanziamento bancario?
Puoi chiederlo solo alle banche che aderiscono alla convenzione Invitalia-ABI. Guarda l’elenco (in continuo aggiornamento).

Quali sono i tempi d’istruttoria della banca?
La banca si impegna a concludere l'istruttoria entro 45 giorni dalla richiesta del finanziamento bancario oppure, per i richiedenti non ancora costituiti in società, entro 45 giorni dalla data di costituzione.

Quando vengono erogate le agevolazioni?

L’erogazione del finanziamento bancario avviene immediatamente dopo l’ammissione all’agevolazione, il contributo a fondo perduto viene erogato da Invitalia per stati di avanzamento lavori (SAL). Puoi chiedere la prima erogazione solo se hai realizzato almeno il 50% del tuo programma di spesa. Puoi chiedere il primo SAL anche a fronte di fatture non quietanzate.

I tempi di erogazione sono questi:

  • 30 giorni dalla data di ricezione di tutta la documentazione, nel caso di primo SAL
  • 60 giorni per il SAL a saldo. Quest'ultimo viene erogato dopo un esame della documentazione e a seguito di un sopralluogo per verificare gli investimenti realizzati e le spese sostenute.

Come faccio a stabilire le date di avvio e di ultimazione degli investimenti?
La data di avvio è quella che compare sul primo titolo di spesa ammissibile alle agevolazioni. La data di ultimazione è quella riportata nell'ultimo titolo di spesa ammissibile.

La sede dell’attività deve essere di mia proprietà?
Oltre alla proprietà dei locali, è ammesso l'affitto con un contratto regolarmente registrato che garantisca la disponibilità della sede per tutta la durata del finanziamento. (N.B. se il locale che si vuole prendere in locazione è di proprietà di uno dei soci, dei relativi coniugi, dei parenti o affini dei soci entro il terzo grado, è consentita la locazione, ma non si possono rendicontare le spese relative ai canoni di affitto). Non è consentito il comodato d'uso. Il titolo di disponibilità della sede aziendale deve essere presentato in occasione della prima richiesta di erogazione.

La sede operativa può coincidere con la mia residenza?
No, per qualsiasi tipologia di attività la sede operativa non può coincidere con la propria residenza. La destinazione d’uso dell’immobile deve essere coerente con la tipologia di attività prescelta.
Per le attività che non necessitano di una sede aziendale (food track - attività ambulanti e/o itineranti ad es. imprese edili) è comunque richiesto un titolo di disponibilità per il ricovero del mezzo e delle attrezzature finanziate con cui si svolge la stessa..

In quali tempi devo completare la realizzazione del progetto?
Entro 24 mesi dal provvedimento di concessione, tranne i casi in cui Invitalia accerta che il ritardo non è imputabile al beneficiario.

 

 

ULTERIORE CONTRIBUTO PREVISTO DAL "DECRETO RILANCIO" 
 

Sono l’unico socio di una Srl unipersonale ammessa alle agevolazioni Resto al Sud. Qual è l’importo del contributo previsto dal DL Rilancio di cui posso beneficiare?
Poiché il soggetto beneficiario è un’impresa esercitata in forma di società, ancorché unipersonale, il contributo erogabile è calcolato secondo il criterio previsto dal DL Rilancio per questa forma giuridica, ossia 10.000 euro per ogni socio.

Ho presentato domanda di agevolazione prevedendo 3 soci e la mia domanda è stata ammessa. Se ora voglio aggiungere un altro socio, sarà anch’esso determinante per il calcolo del contributo previsto dal DL Rilancio?
No, in quanto la determinazione del contributo viene calcolata sulla base del numero dei soci componenti la compagine al momento del provvedimento al netto di eventuali successive dimissioni.

Ho presentato domanda di agevolazione prevedendo 4 soci e la mia domanda è stata ammessa. Se attualmente siamo rimasti in 3, perché uno è uscito, continuerà ad essere calcolato per la determinazione del contributo previsto dal DL Rilancio?
No, in quanto la determinazione del contributo dipende anche dal numero dei soci (sia con i requisiti, sia senza) effettivo al momento dell’erogazione. In pratica il contributo va calcolato sul dato minore tra il numero di soci inizialmente ammesso e quello effettivamente presente al momento dell’erogazione.

La nostra società è composta da 4 soci, di cui uno senza i requisiti. Il socio senza requisiti viene considerato per la determinazione del contributo previsto dal DL Rilancio?
Si, la norma prevede il contributo per ogni socio, senza alcuna specifica circa il possesso dei requisiti.

La nostra società ha 5 soci, di cui uno senza requisiti. Il socio senza requisiti viene calcolato per la determinazione del contributo previsto dal DL Rilancio?
No, in quanto la norma prevede che il contributo massimo riconoscibile non superi comunque i 40.000 euro.

 

 

LE ATTIVITÀ LIBERO PROFESSIONALI
 

Sono titolare di una ditta individuale con partita IVA movimentata alla data del 21/06/2017, posso presentare domanda di ammissione alle agevolazioni previste dalla misura “Resto al Sud” per l’avvio di un’attività libero professionale?

NO, in quanto titolare di attività di impresa in esercizio alla data del 21 giugno 2017.

 
In qualità di rappresentante legale di una società iscritta al registro delle imprese e attiva alla data del 21/06/2017, posso presentare domanda di ammissione alle agevolazioni previste dalla misura “Resto al Sud” per l’avvio di un’attività libero professionale?
NO, in quanto titolare di attività di impresa in esercizio alla data del 21 giugno 2017.

Sono stato titolare di una partita IVA movimentata, associata ad un’attività libero professionale, aperta il 20/05/2017 e chiusa in data 21/12/2018, posso presentare domanda di ammissione alle agevolazioni?
SI, in quanto non titolare d’impresa in esercizio alla data del 21/06/2017 e, qualora la domanda avesse per oggetto l’esercizio di un’attività libero-professionale, in quanto la titolarità della partita IVA non sussiste nei dodici mesi precedenti alla presentazione della domanda.

Sono titolare di una partita IVA movimentata per l’esercizio di un’attività libero professionale (ATECO 69.10.10: Attività degli studi legali), aperta il 20/05/2017; posso presentare domanda di ammissione alle agevolazioni per la realizzazione di un’iniziativa come “Consulente del lavoro” (ATECO 69.20.30) utilizzando la suddetta partita IVA?

NO, in quanto, seppure l’attività oggetto della domanda di agevolazione risulti associata ad un codice ATECO non identico fino alla terza cifra di classificazione delle attività economiche a quello relativo alla partita IVA di cui il proponente risulta già titolare, la partita IVA dell’attività oggetto della domanda di agevolazione deve, comunque, risultare successiva al 21/06/2017.

Sono un libero professionista titolare di partita IVA non movimentata aperta in data 11/08/2018, posso presentare domanda di ammissione alle agevolazioni previste dalla misura “Resto al Sud” utilizzando la medesima partita IVA oppure partecipare in qualità di socio in possesso dei requisiti ad una Società tra professionisti?
SI, in quanto titolare di partita IVA risulta aperta dopo il 21/06/2017 e non movimentata.

In qualità di titolare, nei 12 mesi precedenti alla presentazione dell’istanza di ammissione alle agevolazioni, di una partita IVA movimentata associata al codice ATECO 69.20.11 (Servizi forniti da dottori commercialisti), posso presentare domanda alla misura “Resto al Sud” per l’apertura di un CAF?
NO, in quanto titolare, nei 12 mesi precedenti alla presentazione della domanda, di partita IVA movimentata associata ad un codice ATECO (69.20.11) identico, fino alla terza cifra, a quello corrispondente all’attività oggetto della domanda di agevolazioni (69.20.14: Attività svolta dai Centri di assistenza fiscale).

In qualità di titolare, dal 04/03/2018, di una partita IVA movimentata associata al codice ATECO 71.12.10 (Attività degli studi di ingegneria), posso presentare domanda di agevolazione alla misura “Resto al Sud” per l’avvio di un’attività professionale riconducibile al codice ATECO 71.20.21 (Controllo di qualità e certificazione di prodotti, processi e sistemi) associato alla medesima partita IVA?
SI, (formalmente), in quanto, seppur titolare nei 12 mesi precedenti alla presentazione della domanda di partita IVA movimentata (aperta dopo il 21/06/2017), la stessa è associata ad un codice ATECO non identico, fino alla terza cifra, a quello corrispondente all’attività oggetto della domanda di agevolazioni.
Dal punto di vista sostanziale, il progetto imprenditoriale presentato dovrà necessariamente prevedere l’offerta di servizi (e conseguenti linee di ricavo) diversi da quelli precedentemente erogati.

Sono un giovane fisioterapista e intendo svolgere la mia professione in forma autonoma costituendo una ditta individuale. Quali requisiti soggettivi devo possedere per la presentazione della domanda di agevolazione a valere sulla misura Resto al Sud?
Poiché l’attività che intende avviare ha per oggetto una professione di tipo ordinistico, i requisiti richiesti sono quelli previsti per le attività libero-professionali; pertanto, oltre all’età, alla residenza, alla non titolarità di un’impresa in esercizio alla data del 21/06/2017, alla mancata fruizione nell’ultimo triennio di agevolazioni nazionali a favore dell’autoimprenditorialità e la non titolarità di un contratto di lavoro dipendente a tempo indeterminato, dovrà dimostrare la non titolarità nei 12 mesi precedenti alla presentazione della domanda di una partita IVA movimentata per lo svolgimento di un’attività analoga a quella oggetto della domanda di agevolazione.

Sono un ingegnere con partita IVA aperta in data 20/07/2017 e movimentata da oltre due anni sul codice ATECO 71.12.10. Vorrei avviare un’attività riconducibile al codice ATECO 70.22.01 (Attività di consulenza per la gestione della logistica aziendale) costituendo una StP insieme a due giovani professionisti aventi partita IVA movimentata rispettivamente sul codice ATECO 70.22.09 e sul codice ATECO 69.20.15 (Gestione ed amministrazione del personale per conto terzi). Possiamo usufruire delle agevolazioni previste dalla misura Resto al Sud?
SI, potete presentare domanda di agevolazione a valere sulla misura Resto al Sud per un progetto imprenditoriale che preveda un programma di spesa non superiore a € 100.000,00, in quanto il libero professionista con partita IVA movimentata associata al codice ATECO 70.22.09 (identico fino alla terza cifra a quello riconducibile all’attività oggetto della domanda di agevolazione), dovrà partecipare al progetto imprenditoriale come socio non in possesso dei requisiti soggettivi, garantendo comunque, in virtù della presenza di ulteriori due soci in possesso dei requisiti, il rapporto numerico previsto dalla normativa.