L'agenzia per
lo sviluppo
 
 
 

Storie

Archivio

Seleziona un argomento:

Ricerca storie per argomento
 
Invitalia, Loacker e Brimi siglano un contratto di sviluppo da 25 milioni di euro

Latte di qualità e senza Ogm, un nuovo polo a Bolzano

2019-05-03

Nasce a Vandoies (Bolzano) un nuovo polo per la produzione di latte e suoi derivati in polvere, senza OGM e di alta qualità.

Questo l’obiettivo del Contratto di sviluppo siglato da Invitalia, l’Agenzia nazionale per lo sviluppo e Dolomites Milk srl, la newco nata nel 2018 e controllata al 76% dal gigante della pasticceria, Loacker (con un fatturato che nel 2018 ha raggiunto i 300 milioni di euro) e dalla Brimi – Centro Latte Bressanone, una società cooperativa che rappresenta una delle maggiori realtà nazionali nel mercato dei prodotti lattiero-caseari senza OGM.

L’investimento ammonta a circa 25 milioni di euro, di cui 8 di agevolazioni a fondo perduto. Il contratto prevede la creazione di 20 nuovi posti di lavoro.

Il programma di investimenti sarà concentrato nell’impianto produttivo di Vandoies (BZ), dove saranno realizzati prodotti di nicchia, a filiera controllata, con qualità distintive superiori rispetto agli standard presenti sul mercato.

Negli ultimi due anni, coerentemente con la filosofia aziendale che punta sulla naturalità e sostenibilità degli ingredienti utilizzati per i propri prodotti, e in linea con la corporate social responsability, sono stati avviati da Loacker progetti di verticalizzazione della filiera produttiva, per garantire a lungo termine la copertura dei fabbisogni di materie prime strategiche.

Il nuovo stabilimento produttivo Dolomites Milk SpA a Vandoies, per la sprayzzazione del latte e del siero di latte in polvere, permetterà a Loacker di realizzare un prodotto non geneticamente modificato, alpino, kosher e halal altamente differenziante.

Lo stabilimento è stato progettato con Brimi, partner scelto da Loacker grazie all’elevata qualità della materia prima dei suoi produttori locali e alla consolidata esperienza e competenza nel settore.

Il settore lattiero-caseario ricopre un ruolo di primo piano nel settore agro-alimentare italiano, con una forte crescita dell’export, tanto da posizionare l’Italia come quarto player a livello mondiale dopo Germania, Francia e Paesi Bassi – dichiara Domenico Arcuri, Amministratore delegato di Invitalia – E il Contratto di sviluppo, gestito da Invitalia, anche in questo caso si rivela come lo strumento più adeguato per sostenere il made in Italy e l'offerta produttiva delle medio-grandi imprese, sia multinazionali estere che italiane”.

L’obiettivo comune di Brimi e Loacker è quello di produrre latte e siero di latte in polvere partendo da materie prime di produzione locale” - aggiunge Wanda Hager, Presidente del Consiglio di Amministrazione della Dolomites Milk SpA - e così facendo di contribuire allo sviluppo della regione, investendo in Italia. Anche grazie al contribuito di Invitalia, questo “obiettivo” ambizioso si potrà realizzare in breve termine”.