L'agenzia per
lo sviluppo
 
 
 

Notizie E Comunicati Stampa

Archivio Notizie

Dal Mise 27 milioni per Friuli Venezia Giulia, Marche, Venezia, Livorno e Massa Carrara

Legge 181/89, dal 14 luglio riaprono gli sportelli di 5 aree di crisi industriale

2022-07-06

A partire dalle ore 12.00 del 14 luglio 2022 riaprono gli sportelli di 5 aree di crisi industriale per le quali il Ministero dello sviluppo economico mette a disposizione complessivamente risorse pari a circa 27 milioni di euro.

La presentazione di nuove domande era stata sospesa con decreto direttoriale 31 marzo 2022, a seguito dell’entrata in vigore della nuova disciplina attuativa degli interventi ai sensi della Legge 181.

In particolare, verranno riaperti gli sportelli nei seguenti territori:

  • area di crisi industriale non complessa della regione Friuli Venezia-Giulia, con risorse pari a 1.977.677,85 di euro;
  • area di crisi industriale non complessa della regione Toscana (provincia di Massa-Carrara), con risorse pari a 6.336.194,40 di euro;
  • l'area di crisi industriale del gruppo Antonio Merloni (comuni della regione Marche), con risorse pari a 7.160.253,59 di euro;
  • area di crisi industriale complessa di Venezia, con risorse pari a 6.231.245,25 di euro;
  • area di crisi industriale complessa del Polo produttivo dellarea costiera livornese, con risorse pari a 5.006.554,10 di euro.

Gli interventi rientrano nell’ambito della riforma della Legge 181/89, che ha l’obiettivo di semplificare e accelerare le procedure in favore delle imprese che richiedono agevolazioni per realizzare programmi di investimento nelle aree di crisi industriali, complesse e non complesse.

Nei prossimi giorni su questo portale verranno pubblicate le modalità per la presentazione delle domande con la relativa modulistica.

Decreto Direttoriale 27 giugno 2022

Per i giornalisti

ufficiostampa@invitalia.it tel. 06 42160398 Twitter@Invitalia
 
 

Questo sito o gli strumenti da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.