L'agenzia per
lo sviluppo
 
 
 

Notizie E Comunicati Stampa

Archivio Notizie

Invitalia ha curato tutte le attività tecniche utili alla realizzazione della campagna di indagine e all’elaborazione degli elaborati progettuali

Stabilimento siderurgico di Piombino: approvato il progetto di messa in sicurezza della falda

2021-08-02

Garantire un’adeguata sicurezza ambientale del Sito d’interesse Nazionale di Piombino, funzionale anche al suo immediato riutilizzo produttivo. È questo l’obiettivo del Progetto definitivo per la messa in sicurezza della falda dello stabilimento siderurgico “Ex Lucchini” di Piombino, approvato con il Decreto n. 296 del 20 luglio 2021 del Ministro per la Transizione Ecologica e del Ministro dello Sviluppo Sostenibile.

Si tratta del primo progetto pubblico di bonifica e messa in sicurezza, approvato ai sensi dell’art. 252-bis del D.lgs. 152/2006, per il quale Invitalia opera a supporto della Regione Toscana in qualità di soggetto attuatore.

L’intervento, finanziato dalla Delibera CIPE n. 47/2014 a beneficio della Regione Toscana per 47 milioni di euro con fondi FSC 2014/2020, rappresenta uno dei punti cardine degli Accordi di Programma per la riconversione e la riqualificazione di Piombino sottoscritti, tra gli altri, dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dal MISE, dal MiTE e dalla Regione Toscana.

Il progetto approvato, preceduto da una campagna di indagine di 18 mesi per definire puntualmente l’inquinamento presente nella falda e per calibrare il modello idrogeologico, prevede la realizzazione di un esteso sistema di raccolta delle acque sotterranee della falda superficiale – grazie a trincee drenanti e diaframmi – e della falda profonda, attraverso pozzi di emungimento. E’ prevista inoltre l’installazione di uno specifico impianto di trattamento delle acque contaminate, articolato in più linee separate e su diversi stadi, per l’abbattimento degli inquinanti. Le acque depurate potranno essere poi impiegate nel ciclo produttivo dello stabilimento.

Tutti gli interventi sono funzionalmente autonomi ma al tempo stesso integrati sia con il progetto di re-industrializzazione e di bonifica in capo al privato sia con le previsioni di sviluppo territoriale comunali (viabilità; area diportistica; ecc.).

Invitalia ha curato tutte le attività tecniche utili alla realizzazione della campagna di indagine e all’elaborazione degli elaborati progettuali oltre a supportare la Regione Toscana nei rapporti con i soggetti istituzionali coinvolti.

Il decreto di approvazione emanato dal MiTE e dal MISE ricomprende tutti i pareri e le autorizzazioni necessari, tra cui le ulteriori procedure ambientali (Valutazione di Impatto Ambientale e la Valutazione di incidenza ecologica) ed archeologiche previste per legge.

Il decreto è consultabile al seguente link https://www.mite.gov.it/bonifiche/archivio-decreti-contenuti/13022

Per i giornalisti

ufficiostampa@invitalia.it tel. 06 42160398 Twitter@Invitalia