RILANCIAMO LE AREE DI CRISI INDUSTRIALE - GELA

Sono stati stanziati 25 milioni di euro
 

Il Progetto di riconversione e riqualificazione di Gela

Il sistema imprenditoriale dell’area di Gela è stato fortemente condizionato dalla crisi che ha colpito, a livello nazionale ed europeo, il settore della raffinazione di petrolio.

Il calo della domanda interna, determinato dalla presenza di nuovi competitor a livello globale e dalle norme europee sull’efficienza energetica, ha condotto le principali aziende di settore a proporre un ridimensionamento della capacità produttiva degli stabilimenti, con conseguenze negative sulle imprese dell’indotto in termini di fatturato, ordini e quindi occupazione.

L’area di crisi industriale complessa è stata dichiarata per il territorio di 23 Comuni compresi seguenti Sistemi Locali del Lavoro: Gela, Mazzarino, Vittoria, Caltagirone, Riesi, Caltanissetta, Piazza Armerina.

Elenco comuni area di crisi

La strategia per il rilancio dell’area, basata sul sostegno finanziario agli investimenti per il rafforzamento e la riqualificazione del settore produttivo, l’attrazione di nuovi investimenti, il potenziamento della logistica e al rilancio dell’occupazione, è attuata attraverso il Progetto di Riconversione e Riqualificazione Industriale (PRRI) elaborato e gestito da Invitalia.

Il PRRI, approvato con Accordo di Programma del 23 ottobre 2018 siglato dal Ministero dello Sviluppo Economico, dal Ministero dell'Ambiente e della Tutel del Teritorio e del Mare, dall’Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro, dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, dalla Regione Siciliana, dal Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta, dal Comune di Gela, prevede l’impegno di risorse pubbliche per complessivi 25 milioni di euro (di cui 15 a valere sul PON Imprese e Competitività e 10 messi a disposizione dalla Regione Siciliana) stanziati per l’attuazione della Legge 181/89.

Il Progetto individua un’offerta localizzativa composta da:

E’ stata inoltre attivata una collaborazione con gli istituti di credito presenti nell’area di crisi che hanno dato disponibilità e con il Mediocreditocentrale al fine di sostenere lo sviluppo delle attività imprenditoriali.