L'agenzia per
lo sviluppo
 
 
 

Sviluppo e coesione territoriale

Seleziona un argomento:

Ricerca storie per argomento
 
Contratti Istituzionali di Sviluppo per le infrastrutture ferroviarie e stradali del Sud
A tutta velocità verso il Mezzogiorno

A tutta velocità verso il Mezzogiorno

2015-05-22

Le Direttrici ferroviarie Napoli–Bari–Lecce–Taranto, Salerno–Reggio Calabria e Messina–Catania–Palermo, e l’itinerario stradale Sassari–Olbia sono i quattro Contratti Istituzionali di Sviluppo stipulati ad oggi e finalizzati ad accelerare l’iter di realizzazione delle infrastrutture ferroviarie e stradali per la modernizzazione del Mezzogiorno.

I Contratti Istituzionali di Sviluppo (CIS), strumento di programmazione negoziata, vengono sottoscritti d’intesa tra i Ministri (Ministro per la Coesione territoriale, Ministro dell'Economia e delle Finanze, Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare), le Regioni di volta in volta interessate e i soggetti competenti (Ferrovie dello Stato, Rete Ferroviaria Italiana, ANAS) per l’attuazione della programmazione del Fondo Sviluppo e Coesione.

Con tale accordo, vengono destinate risorse nazionali e comunitarie ad azioni specifiche, volte ad accelerare la realizzazione di grandi infrastrutture di rilievo strategico nazionale e ad assicurare la qualità della spesa pubblica.

Nell’ambito della Convenzione Azioni di Sistema – Linee aggiuntive, stipulata il 17 aprile 2014 come prosecuzione delle attività già previste dalla Convezione del 3 agosto 2012 con il Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica (ora Agenzia per la Coesione Territoriale), Invitalia svolge attività di assistenza tecnica e supporto nel processo di attuazione di tali contratti alla Direzione del competente Dipartimento che è responsabile dei Contratti sottoscritti.

I Contratti Istituzionali di Sviluppo prevedono azioni di monitoraggio, di comunicazione e di concertazione socio–istituzionale.

Le attività di monitoraggio periodico, che sono state consolidate attraverso l’adozione di strumenti operativi e metodologici adeguati alla specificità dei progetti infrastrutturali, sono relative all’analisi economica, finanziaria e procedurale dell’avanzamento degli interventi. Tali attività si focalizzano sugli aspetti critici al fine di avviare ulteriori azioni di verifica e di approfondimento delle problematiche inerenti l’attuazione degli interventi. La discussione e l’analisi degli aspetti che emergono in fase di monitoraggio avviene nei Comitati di Attuazione e Sorveglianza periodici nei quali si formalizzano le decisioni in merito alle azioni da intraprendere.

Per informare in modo chiaro e trasparente i cittadini sull'andamento delle opere nel tempo, è stato realizzato il portale Opere CIS, un sito Open Data che contiene sia dati sullo stato di avanzamento dei singoli interventi - sotto il profilo finanziario, della fase di attuazione dei lavori e dei tempi di realizzazione - sia informazioni e notizie aggiornate sulle vicende dei territori interessati dai Contratti stessi.

La politica di concertazione e condivisione delle scelte progettuali da attuare è nella natura del CIS in quanto strumento focalizzato su obiettivi comuni tra tutti gli attori del sistema. Sono state intraprese attività sui territori interessati dalle opere infrastrutturali nelle fasi di confronto e di incontro tra le istituzioni locali e centrali per il raccordo con le esigenze dei cittadini. A loro viene riconosciuto un ruolo di controllo attivo delle attività e dell’operato delle amministrazioni coinvolte attraverso le azioni di concertazione locale e il Portale dedicato.