Venafro-Campochiaro-Bojano

L’Accordo prevede l’impiego di risorse pubbliche per 45,58 milioni di euro
 

Il Progetto di riconversione e riqualificazione

2017-09-19

La zona industriale di “Venafro-Campochiaro-Bojano e aree dell’indotto” è stata riconosciuta “area di crisi industriale complessa” per le problematiche legate alla grave crisi che ha colpito le principali aziende, più l’indotto, operanti nei poli:

  • avicolo e agro-alimentare (Solagrital-GAM);
  • tessile (Ittierre Spa);
  • metalmeccanico (ambito Venafro-Pozzilli).

L’Area di crisi comprende 67 Comuni così articolati:

  • Comuni soci del Consorzio per lo Sviluppo Industriale Isernia-Venafro;
  • Comuni soci e/o appartenenti al comprensorio del Consorzio per lo Sviluppo Industriale Campobasso-Bojano;
  • Comuni con presenza di aziende dell’indotto avicolo, tessile, metalmeccanico e di aree artigianali/industriali comunque denominate.

Con l’Accordo di Programma del 27 luglio 2017 il Ministero dello sviluppo economico, la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, l'Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro, la Regione Molise e Invitalia si sono impegnati ad attuare il Progetto di Riconversione e Riqualificazione Industriale (PRRI) dell’area.

L’Accordo prevede l’impiego di risorse pubbliche per complessivi 45,58 milioni di euro.

Il Progetto, elaborato e coordinato da Invitalia, ha la finalità di:

  • rafforzare il tessuto produttivo esistente
  • attrarre nuovi investimenti
  • sostenere il reimpiego dei lavoratori espulsi dal mercato del lavoro

ed individua un’offerta localizzativa composta da:


Con Circolare Direttoriale del 15 settembre 2017 n.114766 è stato emanato l’Avviso pubblico per l’area di crisi industriale “Venafro-Campochiaro-Bojano e aree dell’indotto”. Le domande possono essere presentate dalle ore 12.00 del 18 ottobre 2017 fino alle ore 12.00 del 17 novembre 2017.

Per saperne di più