L'agenzia per
lo sviluppo
 
 
 

Notizie

Archivio notizie rilancio Bagnoli

Seleziona un argomento:

Ricerca notizie rilancio Bagnoli
 
A marzo il bando di gara di Invitalia per la realizzazione delle caratterizzazioni

Piano di Caratterizzazione, entro febbraio la definizione

2016-02-01

Invitalia sta portando avanti il Piano di Caratterizzazione ambientale per l’area di Bagnoli. La Caratterizzazione è la prima fase del processo di bonifica, indispensabile per un’efficace progettazione degli interventi di risanamento. Si tratta principalmente di attività di indagine (sondaggi piezometri ed analisi chimiche) per verificare la presenza di contaminazione nei suoli e nelle acque di falda. I risultati delle indagini consentiranno di definire il “modello concettuale del sito”, ovvero l’entità del rischio per la salute umana e per l’ambiente. Entro il 29 febbraio 2016 Ispra, che ha avviato già le proprie attività, definirà il piano delle caratterizzazioni per l’intero sito di Bagnoli, e successivamente Invitalia procederà a bandire le gare per la realizzazione delle caratterizzazioni stesse.

Il procedimento di caratterizzazione si compone di diverse fasi (secondo la normativa tecnica - Allegato 2 al Titolo V, Parte Quarta del D.Lgs. 152/06 e s.m.i.):

  • Ricostruzione storica delle attività produttive svolte sul sito.

  • Elaborazione del Modello Concettuale Preliminare del sito e del Piano di indagini ambientali.

  • Esecuzione del Piano di indagini e delle eventuali indagini integrative.

  • Elaborazione dei risultati delle indagini.

  • Elaborazione del Modello Concettuale Definitivo.

  • Nel caso in cui i risultati della caratterizzazione evidenzino situazioni di contaminazione nei suoli o nella falda, si procede all’analisi di rischio per stimare il pericolo per la salute umana e per individuare valori di concentrazione accettabili, sui quali impostare i futuri interventi di messa in sicurezza e/o di bonifica.

Nello svolgimento di questa attività, Invitalia dialogherà continuamente con il Ministero dell’Ambiente, che si avvale degli Istituti competenti (ISPRA, ISS) oltre che della Regione, della Provincia e dell’Agenzia Regionale di Protezione Ambientale, per l’approvazione della caratterizzazione.