Biomasse

Le agevolazioni concesse sono pari a 115 milioni di euro
 

Agevolazioni al Sud per produrre energia rinnovabile dai rifiuti

Gli incentivi “Biomasse” (D.M. 13 dicembre 2011) favoriscono programmi di investimento per interventi di attivazione, rafforzamento e sostegno delle omonime filiere in Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.

L’obiettivo è salvaguardare l’ambiente e sviluppare il territorio riutilizzando e valorizzando queste sostanze.


Gli incentivi finanziano:

  • impianti per la produzione di energia alimentati da biomasse di diversa natura con un processo di cogenerazione o trigenerazione

  • impianti di energia termica

  • produzione di biocarburanti o biometano.


I programmi di investimento devono essere mirati a:

  • realizzare nuove unità produttive e ampliare quelle esistenti
  • diversificare la produzione in nuovi prodotti o servizi aggiuntivi
  • introdurre un cambiamento fondamentale nel processo di produzione


Le iniziative finanziabili sono state selezionate da Invitalia con il bando "POI Energie rinnovabili e risparmio energetico" FESR 2007-2013” chiuso il 13 luglio 2012.

Sono state ammesse alle agevolazioni 26 domande per un totale di 186 milioni di euro di investimento e 115 milioni di euro di incentivi.

Il Ministro dello Sviluppo Economico, con il Decreto 10 marzo 2015, ha prorogato il termine massimo per l’ultimazione degli investimenti: la nuova scadenza è fissata al 31 ottobre 2015.

Guarda la graduatoria dei programmi ammissibili.

 

Per chi ha ottenuto le agevolazioni

Documenti per le imprese ammesse alle agevolazioni, che devono richiedere l’erogazione: