L'agenzia per
lo sviluppo
 
 
 

Storie

Archivio

Seleziona un argomento:

Ricerca storie per argomento
 
Le aziende incentivate sono 24.680 su 47 aree, per 605 milioni di euro di agevolazioni

Zone Franche Urbane: una filiera digitale a favore delle imprese

2015-06-23

Ha velocizzato i processi e introdotto importanti innovazioni a favore delle imprese: questi i risultati della filiera interamente digitale realizzata da Invitalia, al fianco del Ministero dello Sviluppo economico, per la gestione amministrativa dell’intervento Zone Franche Urbane (ZFU).

L'introduzione delle ZFU in Italia rientra nelle politiche di sviluppo per le aree svantaggiate o sottoutilizzate: si tratta di aree infra-comunali, di dimensione minima prestabilita, dove si concentrano programmi di defiscalizzazione per la creazione di piccole e micro imprese. Obiettivo prioritario è favorire lo sviluppo economico e sociale di quartieri ed aree urbane con potenzialità di sviluppo e al contempo caratterizzate da disagio sociale, economico e occupazionale.

La prima Zona franca urbana è stata avviata nel 2013 nel territorio del comune dell’Aquila, successivamente si sono aperti i bandi per le ZFU in Calabria, Campania, Sicilia e Puglia e nella provincia di Carbonia-Iglesias in Sardegna.

Grazie all’assistenza tecnica prestata da Invitalia, si è passati a procedure interamente digitali che hanno consentito di velocizzare gli interventi, dall’emanazione di un bando fino alla concessione delle agevolazioni: sono stati reingegnerizzati i processi, dalla progettazione informatica dei flussi documentali fino alla gestione integralmente “paperless” delle procedure amministrative. I tempi di concessione delle agevolazioni, dopo la chiusura degli sportelli, si sono ridotti drasticamente a beneficio delle imprese, che hanno potuto fruire delle agevolazioni già entro il primo semestre del 2014.

Le istanze sono state tutte automaticamente protocollate e archiviate nei fascicoli elettronici della Direzione Generale Incentivi alle Imprese del Ministero e sono disponibili, per ogni accesso a norma di legge. Senza contare che i dati “digitali” raccolti, adeguatamente organizzati, costituiscono un vero e proprio patrimonio informativo, utile anche per una valutazione indipendente e trasparente dell’andamento della misura.

A chiusura dell’intervento sono state 24.680 le imprese incentivate su un totale di 47 ZFU per un valore complessivo di agevolazioni pari a 605,022 mln di euro.