L'agenzia per
lo sviluppo
 
 
 

Storie

Archivio

Seleziona un argomento:

Ricerca storie per argomento
 
Un gruppo di ricercatori di Napoli ha fondato la startup iSweetch per perfezionare il prodotto e venderlo alle industrie alimentari e farmaceutiche
Isweetch storia

Il dolcificante biotech che combatte l’obesità e il diabete

2015-06-22

Il dolcificante del futuro, proteico, ipocalorico e senza effetti collaterali, nasce a Napoli, nell’ambito di un progetto di ricerca coordinato dal Dipartimento di Scienze Chimiche dell’Università Federico II

Si tratta di un prodotto altamente innovativo, senza calorie, che sfrutta le proteine dolci, isolate da piante tropicali, ed è tremila volte più dolce dello zucchero tradizionale: un grammo ha lo stesso potere dolcificante di tre chili di zucchero!. 

Il gruppo di ricercatori universitari, coordinato dalla Prof. Delia Picone, docente di Chimica generale dell’Università, ha dato vita alla startup iSweetch, con l’obiettivo di perfezionare il prodotto e venderlo alle industrie alimentari e farmaceutiche.

Grazie agli incentivi di Smart&Start Italia, i neoimprenditori potranno dare nuova linfa al loro business e dopo l’acquisizione del brevetto, allargare la compagine, curare la parte commerciale e aggredire il mercato, con importanti prospettive di sviluppo.

Tra i vantaggi competitivi su cui iSweetch può contare, c’è la possibilità di trasformare, con processi biotecnologici, le proteine dolci: queste, oltre ad essere biodegradabili, possono infatti essere prodotte in laboratorio a bassi costi e rispettando l’ambiente. Mentre la società che le produce gode di un abbattimento notevole dei costi di produzione. 

Dunque le persone affette da obesità e diabete (il 15% in Italia) o costrette a una dieta ipocalorica, potranno finalmente dire addio ai tradizionali dolcificanti, dal retrogusto amaro e potenzialmente dannosi per la salute.