L'agenzia per
lo sviluppo
 
 
 

Notizie e comunicati stampa

Archivio notizie

Invitalia compensa le proprie emissioni di CO2 piantando 90 arbusti nel Parco dell’Aniene

2013-12-13

Negli ultimi anni, attraverso diverse attività, come la partecipazione alla giornata mondiale del risparmio energetico M’illumino di meno, il sostegno alla mostra di architettura Recycle o le diverse attività a sostegno al FAIper la tutela del paesaggio, Invitalia ha cercato di realizzare attività e gesti di responsabilità sociale, nonché di sensibilizzare i suoi dipendenti, non solo con atti simbolici, ma anche concreti rispetto ai temi della tutela del paesaggio, del patrimonio ambientale e culturale.

Negli ultimi mesi, grazie all’aiuto dell’Associazione insieme per l’Aniene Onlus, abbiamo affrontato il tema della riduzione delle emissioni di CO2 e dei gesti concreti che ciascuno, individualmente o collettivamente, può compiere per dimostrare la sua attenzione.
Lo abbiamo fatto prima di tutto effettuando un calcolo dell’inevitabile produzione di emissioni di CO2 della nostra sede con il maggior numero di dipendenti, ovvero quella di via Pietro Boccanelli a Roma.
Da questo calcolo, sempre con l’aiuto dell'Associazione, abbiamo pensato ad un progetto di compensazione simbolica delle emissioni di CO2 atmosferica prodotte dalla nostra sede, proprio al fine di intraprendere un cammino virtuoso in termini di riduzione degli impatti sulla qualità dell’aria e sull’ambiente naturale in genere.

Dopo una prima fase di analisi dei consumi energetici e della quantificazione di emissioni di CO2 in atmosfera ad essi associate, abbiamo dapprima individuato i possibili interventi di riduzione delle emissioni e successivamente predisposto un progetto di riforestazione dell’Area di “via Lodigiani” del Parco.
Abbiamo così coinvolto i dipendenti, invitandoli a piantare presso la Riserva Naturale Valle dell’Aniene - che confina proprio con la sede di via Boccanelli- circa 90 tra piante ed arbusti autoctoni (tra cui lecci ed alberi di Giuda) , tipici di quell’area protetta. A dimostrazione che ognuno, cittadino o impresa, può dare il suo contributo.

Per i giornalisti

ufficiostampa@invitalia.it tel. 06 42160398 Twitter@Invitalia