Contratto di sviluppo

Grandi investimenti per lo sviluppo del territorio

Il Contratto di Sviluppo favorisce la realizzazione di investimenti di rilevanti dimensioni, proposti da imprese italiane ed estere.

Finanzia
Programmi di sviluppo nel settore industriale, turistico oppure per la tutela ambientale.

È rivolto
alle imprese italiane
alle imprese estere che hanno una sede stabile in Italia.

È sottoscritto
da una o più imprese, Invitalia e da eventuali Amministrazioni pubbliche.

Il Programma di sviluppo è composto da
uno o più progetti di investimento
ed eventuali
progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale
inoltre può comprendere
la realizzazione di infrastrutture di interesse pubblico.

Richiede un investimento minimo
compreso tra 7,5 e 20 milioni di euro, in base al settore di attività.

Si applica
nelle aree previste dalla Carta degli aiuti 2007-2013
e
nel resto del territorio nazionale se l’investimento è proposto da piccole e medie imprese

Prevede agevolazioni sotto forma di
contributo a fondo perduto
finanziamento agevolato
contributo in conto interessi.

La domanda
deve essere presentata a Invitalia, che valuta i progetti ed eroga le agevolazioni.

 

ATTENZIONE

Il Decreto del Ministero dello Sviluppo economico del 14/02/2014, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 97 del 28 aprile 2014, ha introdotto alcune novità volte ad assicurare una maggiore coerenza dello strumento agevolativo Contratto di Sviluppo al contesto socio-economico in particolare abbassando le dimensioni minime di investimento e accelerando le procedure per l’accesso alle agevolazioni.

Le procedure per l’accesso alle agevolazioni sono al momento in corso di aggiornamento.
Saranno al più presto rese disponibili informazioni riguardo alle nuove modalità per la presentazione delle domande e alla procedura di valutazione.